falsi stivali Ugg minacciano un ritorno alla moda

Gli stivali falsi stivali Ugg – le calzature in pelle di pecora molto derise che hanno contribuito a definire lo stile degli anni ’50 – stanno rischiando di tornare di moda, se la rivista Vogue, le passerelle di Parigi e le celebrità alla moda devono essere credute.

“Rihanna e Sienna [Miller] guidano il revival degli stivali Ugg”, ha dichiarato Vogue questa settimana, dopo che due delle figure più influenti della moda sono state avvistate con gli stivali beige. Anche Cara Delevingne, Jennifer Lopez e Heidi Klum sono state viste di recente con una coppia, e l’attrice Anna Faris ha indossato comprare stivali Ugg da uomo per celebrare un matrimonio all’inizio di questo mese.
Uggs è anche apparso la settimana della moda maschile di Parigi la settimana scorsa, nelle loro incisioni più spigolose. Alla Y / Project con base in California erano elefanti e alti fino alla coscia; indossarli era come “mettere le cosce nel burro”, ha detto il designer del marchio di calzature, Glenn Martens. Sono stati anche i protagonisti dello spettacolo nell’influente marchio giapponese di lusso Sacai, dove sono venuti in versione grigia o cammello, con l’aggiunta di una tomaia in maglia rossa e bianca.


La storia di comprare stivali Ugg da uomo è molto contestata. Il termine “ falsi stivali Ugg” è una parola generica per le pantofole in Australia, e il marchio Ugg è stato lanciato in California nel 1978. Il loro apice della moda è iniziato nel 2000, quando sono stati approvati da Oprah Winfrey, e hanno ricevuto un ulteriore impulso nel Regno Unito nel 2004, quando Sienna Miller indossava una coppia color castagna accartocciata a Glastonbury. In Australia e negli Stati Uniti, Uggs rappresenta uno stile di vita rilassato e surfer che ha attirato celebrità fuori dal comune come Jennifer Aniston e Sarah Jessica Parker, che spesso si sono ritrovate a indossarle a Los Angeles con un latte in mano.

Negli ultimi anni, le loro credenziali di moda sono diminuite, anche se saltano fuori di tanto in tanto: nel 2012, Kate Moss è stata fotografata indossando la sua coppia nera a metà polpaccio mentre camminava con il suo cane, e Vogue ha preceduto la sua attuale difesa nel 2015 quando ha chiesto: “Isn E ‘tempo che abbiamo abbracciato il nostro piacere di moda più spavaldo? “L’anno scorso, le collaborazioni con Jeremy Scott – in cui gli comprare stivali Ugg da uomo erano decorati con stampe a fiamma o tempestate di gioielli – e l’etichetta inglese Preen hanno risvegliato l’interesse del fashion pack.
Non tutti saluteranno il loro ritorno con gioia. Nel 2010, il capo del British College of Osteopathic Medicine, il dott. Ian Drysdale, ha espresso preoccupazione per la mancanza di supporto fornito dagli stivali in stile Ugg, dicendo che potrebbero portare a problemi alla caviglia, ai fianchi e alla schiena. “Solo perché qualcosa diventa una moda o di moda non significa che sia buono o giusto”, ha detto.


Emma McConnachie, una podologo del College of Podiatry, ha una visione più indulgente. “Non metterò in evidenza falsi stivali Ugg come marchio in quanto esistono molti stili di calzature simili sul mercato. I marchi di fascia alta sono spesso realizzati leggermente meglio e hanno più rinforzi sul tallone, tuttavia molti marchi più economici offrono poco o nessun supporto. “Per quanto riguarda il loro uso in passerella, ha aggiunto:” Consiglio sempre di indossare calzature è appropriato per le tue esigenze e per l’attività che stai facendo. ”
Le recenti collaborazioni di comprare stivali Ugg da uomo con i marchi di passerelle fanno parte di una strategia per guidare le vendite, in parte nei mercati emergenti internazionali. L’idea che gli stivali siano – per usare il termine peggiorativo – “base”, “è una visione molto nordamericana, in nessun’altra regione è questa la comprensione del marchio Ugg”, Andrea O’Donnell, il presidente dei marchi di lifestyle di moda per la holding di Ugg, Deckers Brands, ha recentemente pubblicato la pubblicazione commerciale WWD.

Per O’Donnell, ovviamente, gli stivali falsi stivali Ugg sono sempre alla moda. Li descrive come “una di quelle icone che è piuttosto brutta, ma penso che sia una cosa molto speciale”. In un’epoca in cui i marchi di moda come Balenciaga e Vetements hanno realizzato abiti volutamente brutti e goffi all’altezza dello stile, e gli altri brutti brand di scarpe Crocs e Birkenstocks hanno avuto i loro ultimi momenti in passerella, potrebbe avere un punto. un piccolo favore da chiedere. Più persone stanno leggendo il Guardian che mai, ma le entrate pubblicitarie attraverso i media stanno calando rapidamente. E a differenza di molte organizzazioni di notizie, non abbiamo creato un paywall: vogliamo mantenere il nostro giornalismo il più aperto possibile. Quindi puoi capire perché dobbiamo chiedere il tuo aiuto. Il giornalismo investigativo indipendente del Guardian impiega molto tempo, denaro e duro lavoro per produrre. Ma lo facciamo perché crediamo che la nostra prospettiva sia importante, perché potrebbe anche essere la vostra prospettiva.

The Guardian è indipendente dal punto di vista editoriale, il che significa che abbiamo fissato la nostra agenda. Il nostro giornalismo è libero da pregiudizi commerciali e non è influenzato da proprietari miliardari, politici o azionisti. Nessuno modifica il nostro editor. Nessuno dirige la nostra opinione. Questo è importante perché ci consente di dare voce a chi non ha voce, sfidare i potenti e tenerli in considerazione. È ciò che ci rende diversi rispetto a tanti altri nei media, in un momento in cui i rapporti attendibili e onesti sono fondamentali.

Lascia un commento